Intervista a Francesca Dell’Oro, fondatrice dei profumi di nicchia FD’O

Quanto io ami i profumi, ormai lo sapete. Che io mi sia innamorata di una fragranza meravigliosa che ho avuto modo di annusare in anteprima nel periodo di Natale (stay tuned, vi parlerò della Black Serie molto presto!) pure. Il brand in questione è FD’O – di cui vi ho raccontato qualche mese fa in questo articolo – e la sua creatrice è Francesca Dell’Oro, donna bellissima e dal grande talento.

Cosa mi ha colpito di lei? Il carisma. La sicurezza di chi ha intrapreso la strada giusta e la percorre senza voltarsi indietro, senza mai titubare e senza mai smettere di crederci neppure per un minuto.

Con grandissimo onore, oggi siamo a tu per tu.

Francesca dell'Oro FDO

Ciao Francesca, è un onore ospitarti su The Gold Lash. Raccontaci di come ti sei avvicinata al mondo della profumeria di nicchia.

Innanzitutto vi ringrazio per il tempo dedicatomi.

Il mio percorso è stato articolato ma da sempre animato da professionalità e grande convinzione. Ho sdoganato il mio amore per le fragranze ricercate già in adolescenza, spesso giocando su combinazioni insolite e “sartoriali”, invidia e delizia di amici e conoscenti.

Dopo l’università, occupandomi di moda, ho potuto comprendere i meccanismi legati a brand elitari e di conseguenza anche le mie preferenze olfattivo sono divenute più ricercate ed esigenti.

Per questo ho intrapreso un percorso di studi dettagliato che mi permettesse di capire a 360° gradi ogni meccanismo di questa affascinante materia. Al primo anno di studi ne sono seguiti molti altri, ho perso il conto, così ora il ventaglio di informazioni e contatti è sempre più variegato, di grande qualità, e questo mi ha portato a fondare il mio brand.

Ancora oggi seguo 3-4 corsi specifici di aggiornamento annuali che mi consentono di lavorare sempre informata e attenta ad ogni evoluzione di questo mondo. È importante restare attivi e mentalmente aperti ad ogni novità ed è fondamentale per la mia curiosità e per il mio animo ramingo.

Francesca Dell'Oro

Quando è stato il momento in cui hai capito che il sogno si era realizzato davvero?

La stesura del progetto per me è stato un passaggio trasognato e poetico. Ho seguito ogni dettaglio creativo con il rigore e la dolcezza di una neo mamma olfattiva.

Il mio ruolo è sempre stato tentacolare: si snoda dall’attività creativa legata alle materie prime e alle formule, sino al più piccolo elemento grafico. Ho coordinato un team meraviglioso di esperti profumieri, di designer, di grafici, di ricercatori stilistici del pack e tutto questo flusso positivo di creatività è stato vincente.

Non c’è stato un momento specifico in cui si è realizzato il sogno. Semplicemente ha preso vita e la storia ha iniziato a raccontarsi da sé.

Quali sono le caratteristiche del profumo perfetto, secondo te?

Profumo perfetto, esiste?

Io credo nella sublimazione di un momento, quel momento in cui il profumo abbraccia gli strati più sensibili e profondi del nostro io. Quando ci si trova al suo cospetto si aprono varchi temporali, gli stargates della memoria come dico sempre e si destano sensazioni contrastanti e benefiche.

Forse il profumo perfetto è, con molta semplicità, ciò che crea armonia tra corpo e mente, che non ci delinea a tratti ma varca la soglia dei contorni, definendoci e donando agli altri l’immagine più autentica di noi. Perfetto dunque nell’evoluzione personale e a ciò che questa narra nel tempo.

Francesca at laboratory

Qual è stata la sfida più difficile che hai fronteggiato in questo percorso?

Sfida difficile?

Nessuna che io non sia riuscita a superare con maggiore coerenza e determinazione. Mettere a punto un progetto tanto ambizioso in ogni sua parte lo è stato ma non vi ho mai letto difficoltà, solo maggiore impegno.

E la soddisfazione più grande?

Le soddisfazioni sono state e sono tuttora molteplici.

La prima volta che ho tenuto il mio flacone tra le mani, rapita da intrecci e luce, la prima fiera espositiva, debutto trepidante e carico di aspettative, il riconoscimento dei miei coach olfattivi, che mi hanno sempre sostenuta e spronata con dolcezza ed entusiasmo, le aperture in salotti meravigliosi, dove la mia storia si incrocia a quella dei titolari di “atelier di sogni e meraviglie” che con i loro spazi e le loro scelte garantiscono ai propri clienti dettagli di stile e grande gusto.

Insomma la lista è troppo lunga. Vi annoierei.

Francesca dell'oro parfume

Svelaci qualcosa sul futuro del brand…

Come dicevo prima, la storia è in divenire.

Nuovi capitoli arricchiranno la collezione FD’O, mi auguro apportando ulteriore fascinazione ed eleganza. Posso solo dire che al momento sto lavorando a due nuove fragranze, dal carattere forte e misterioso.

Vi invito dunque a seguirne evoluzioni e debutto, vi piaceranno molto.

Se potessi dare un consiglio alle donne, ragazze che ci leggono che hanno un sogno ma non il coraggio di metterlo in atto…. Cosa diresti?

Suggerire di perseverare, di coltivare sempre e comunque le proprie ambizioni può suonare retorico. Ma in fondo è davvero così.

Ci sono poi una serie di segnali, di momenti sorprendenti che guidano scelte e motivazioni in un vortice di eventi concatenati.

Per questo consiglio di “ascoltarsi”, di fare tesoro di esperienze e vissuto personale e di aprirsi sempre con vigore ed entusiasmo a nuovi progetti. Se la determinazione definisce il percorso, il piacere di farlo lo scolpisce sensibilmente.

Ecco il valore aggiunto.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.